30Ott
Whatsapp, in arrivo anche assistenza clienti e pubblicità

Whatsapp, in arrivo anche assistenza clienti e pubblicità

Acquistato nel 2014 per circa 22 miliardi di dollari, WhatsApp è l’acquisizione più costosa fatta da Facebook. È anche una delle principali proprietà di Facebook che non porta alcun profitto. Tutto questo però sta per cambiare. Facebook sta cercando di trarre profitto dall’enorme popolarità dell’applicazione di chat e secondo l’ultimo rapporto il momento è arrivato. Le pubblicità di Facebook stanno per inondare l’app di Whatsapp ma Facebook ha un’altra idea per monetizzare l’app di chat e che gli utenti potrebbero apprezzare. Sono stati annunciati nuovi strumenti che consentiranno alle aziende di offrire assistenza ai clienti tramite la chat di WhatsApp. Una grande aggiunta al servizio che cambierebbe le carte in tavola.

Le chat assistenza per i clienti

I clienti saranno in grado di avviare conversazioni con le aziende e ottenere supporto in tempo reale. Le chat verranno comunque crittografate end-to-end proprio come le normali conversazioni e saranno gratuite per i consumatori. Le aziende, tuttavia, pagheranno una commissione per inviare messaggi. Il Wall Street Journal ha riferito che Facebook avrebbe addebitato ovunque tra 0,5 cent e 9 cent per messaggio, a seconda del paese. Il rapporto rileva inoltre che le aziende possono conservare copie dei messaggi scambiati in uno stato decodificato. Finora, circa 100 società hanno testato la funzione, tra cui Singapore Airlines, Wish e Uber.

Le pubblicità presenti nell’app

Mentre l’assistenza clienti può essere una nuova eccellente funzionalità di WhatsApp, vedere gli annunci in una normale esperienza di chat è più fastidiosa. Per The Journal , gli annunci appariranno nel carousel Status il prossimo anno e probabilmente non si potrà sfuggire a questa novità. Una funzione di annunci simili è già disponibile su Instagram. Non è troppo invadente, ma può comunque essere fastidiosa. In realtà non c’è modo di pagare per WhatsApp anche se lo si desidera. E il servizio deve fare soldi, almeno per coprire i costi operativi. Il rapporto rileva che gli annunci di WhatsApp di Facebook sono arrivati dopo la partenza dei co-fondatori di WhatsApp, Jan Koum e Brian Acton , in seguito a disaccordi con Facebook per la monetizzazione della chat.

Contattaci per avere maggiori informazioni