11Ott
Le immagini di Google si possono utilizzare?

Le immagini di Google si possono utilizzare?

Alzi la mano chi non ha mai utilizzato una immagine da Google per creare siti. Nessuno? Beh è normale, tutti ingenuamente lo abbiamo fatto. In realtà tutte le immagini sono coperte da copyright e da tempo ormai il motore di ricerca si è specializzato per aiutare i più distratti. Quando si cerca una foto specifica, negli strumenti di ricerca c’è l’etichetta “diritti di utilizzo”. Questa permette di individuare le foto da poter riutilizzare (con o senza modifiche), e quelle riutilizzabili ma non per scopi commerciali.

Esistono alternative a Google per le immagini?

Questo è certamente un aiuto utile per tanti web designers. Ma non c’è solo Google. Infatti esistono numerose risorse che possono essere utilizzate per trovare l’immagine che cercate. Gratuite e libere da diritti, a volte anche di qualità migliore rispetto alla media, queste foto possono essere utilizzate come meglio credete. Al massimo ci possono essere alcune limitazioni sulla riproduzione, modifica e pubblicazione a seconda che ci siano fini amatoriali o commerciali dietro.

L’importanza del disclaimer e le migliori risorse sul web

Se abbiamo bisogno di foto particolari per un nostro cliente, è necessario leggere il disclaimer. Il testo indicherà se il prodotto può essere modificato a seconda delle nostre esigenze.

Tra le risorse presenti sul web le migliori sono:
Gratisgraphy – Foto ad altissima risoluzione con licenza CC0.
New Old Stock – Immagini d’epoca a tua disposizione
Foodie’s Feed – Immagini per il settore food
Public Domain Archive – A disposizione di tutti
Bucketlistly – Ideali per settore viaggi
FancyCrave – Foto ad alta risoluzione di fotografi professionisti.

Le possibilità per i blogger

Non dimenticate di rendere la foto SEO Friendly, cioè indicizzarla nel miglior modo possibile per lo stesso motore di ricerca. Per i blog invece la scelta è più ampia ed inoltre Getty Image, leader del settore, permette di ottenere il codice per inserire le immagini dell’archivio sul proprio sito.

Ecco qualche altra risorsa interessante:
FreeFoto
FreeStockPhotography
Pixabay
LibreShot
Google Creative Commons
Flickr Creative Commons

Le licenze Creative Commons

Concludiamo questo lungo post sulle immagini con un consiglio. Dovete “proteggere” le vostre opere grafiche o testuali, quindi anche siti e i loro contenuti. Per questo i Creative Commons entrano in vostro aiuto: sono delle “licenze” comuni internazionali. Si basano su articoli di legge delle rispettive aree geografiche segnalando cosa possono o non possono fare i navigatori dei vostri siti, a seconda del permesso che decidete a priori di dare sui contenuti dei vostri siti. Siete voi a decidere ciò a priori, prelevando un codice html da inserire nel vostro sito contenente un link, cliccando il quale sarà mostrato agli utenti direttamente cosa possono o non possono fare.

Contattaci per avere maggiori informazioni