16Apr
Cos’è Black Hat Seo e quali sono le pratiche più diffuse

Cos’è Black Hat Seo e quali sono le pratiche più diffuse

Il Black Hat è una pratica contro le linee guida dei motori di ricerca, utilizzata per ottenere un posizionamento del sito più alto nei risultati. Si tratta di tattiche non etiche che spesso portano ad una penalità da parte dei motori di ricerca. Le tecniche black hat includono riempimento di parole chiave, cloaking e utilizzo di reti di link private. Apparire nei risultati di ricerca è vitale per la crescita del business, ma c’è un modo giusto e sbagliato di fare ottimizzazione per i motori di ricerca.

L’arte oscura della SEO black hat è la strada sbagliata. Black Hat SEO cerca di giocare con gli algoritmi. Invece di guadagnare il diritto di posizionarsi, le pagine black hat SEO usano tattiche decisamente discutibili per ottenere tutto e subito. L’uso prolungato delle tecniche SEO black hat rischia di danneggiare la presenza nei motori di ricerca piuttosto che migliorarla. Gli algoritmi dei motori di ricerca sono diventati più sofisticati nel tempo, ed è per questo che la black hat SEO è da evitare a tutti i costi.

Black Hat Seo: keyword stuffing e cloaking

Tra le pratiche più famose c’è il Keyword Stuffing. Si tratta di una modalità che riempie i contenuti con parole chiave non pertinenti nel tentativo di manipolare i risultati di ricerca. L’aggiunta di più varianti di parole chiave che non aggiungono alcun valore crea un’esperienza negativa per gli utenti. Potrebbe anche causare la classificazione della pagina per query non pertinenti. Un’altra pratica molto diffusa è il cloaking che implica la visualizzazione di un pezzo di contenuto per gli utenti e un diverso contenuto per i motori di ricerca. I siti web che praticano il black hat SEO lo fanno per rendere il contenuto valido per una varietà di termini irrilevanti rispetto all’argomento che si tratta. I siti web di spam spesso lo fanno per cercare di evitare che un bot dei motori di ricerca scopra il contenuto che serve agli utenti.

Il reindirizzamento dei contenuti

Infine c’è il reindirizzamento che  comporta l’invio di un utente a un URL diverso da quello su cui hanno inizialmente fatto clic. Il Black Hat SEO utilizza reindirizzamenti al di fuori dello scopo per cui sono destinati. Analogamente al cloaking, questo potrebbe includere il reindirizzamento di un crawler dei motori di ricerca in una pagina e tutti gli altri utenti in un’altra pagina. Spesso si utilizza il reindirizzamento di una pagina altamente autorevole con molti backlink in un’altra pagina irrilevante, solo per aumentare la sua posizione nei risultati di ricerca. Un reindirizzamento 301 passa la maggior parte dell’autorità da una pagina all’altra. Ciò significa che qualcuno che pratica SEO black hat potrebbe utilizzare i reindirizzamenti esclusivamente allo scopo di manipolare i risultati di ricerca.

 

Contattaci per avere maggiori informazioni