04Giu
Tre consigli SEO oltre le pratiche suggerite da Google

Tre consigli SEO oltre le pratiche suggerite da Google

Le classifiche di ricerca organiche sono la linfa vitale del mondo del business online. Come gli esperti SEO sanno fin troppo bene, Google è notoriamente silenzioso su ciò che accade nei loro algoritmi di ranking della ricerca. Vengono aggiornati continuamente e quando viene rilasciato un nuovo aggiornamento, tutti gli appassionati di ricerca sono pronti a formulare ipotesi su come modificare le loro strategie SEO per soddisfare i potenti robot di Google. Sporadicamente gli esperti dietro le quinte di Google lasciano indizi enormi sulle indicazioni di un aggiornamento – “dai la priorità a questo o ignoralo”. Tuttavia, indipendentemente da ciò che pensa o fa Google, ci sono alcuni compiti SEO a cui si dovrebbe ancora prestare attenzione.

Dall’immagine alla priorità

L’immagine alt text è stata a lungo una componente preziosa nella SEO. Negli ultimi anni ci sono stati numerose ipotesi. In tanti hanno sostenuto che Google utilizzasse l’apprendimento automatico per capire cos’è un’immagine e di cosa si tratta. Era la funzione principale del testo alternativo dell’immagine, ma questo non significa non includere più il testo. Indipendentemente da quali sono le più recenti procedure basate sull’intelligenza artificiale per il riconoscimento di immagini, bisogna comunque inserire l’alt text per ogni immagine. L’apprendimento automatico è un concetto relativamente nuovo. Mentre l’immagine alt text potrebbe essere completamente obsoleta nei prossimi cinque o dieci anni, l’ottimizzazione delle immagini alla “vecchia maniera” è una buona idea per giocare sul sicuro.

Un altro aspetto da non sottovalutare è l’assegnazione di priorità all’autorità del contenuto. Il contenuto “autorità” è stata una componente ambigua della SEO fin dall’inizio. Google vuole presentare agli utenti i contenuti più credibili e autorevoli in base alle loro query di ricerca. Dopo gli ultimi aggiornamenti che hanno riaperto il dibattito sull’EAT (competenza, autorità, affidabilità) dei contenuti, in tanti hanno sostenuto tesi totalmente opposte. Ciò che resta da fare è puntare sulla semplicità. Si deve sempre lavorare per creare contenuti autorevoli. Ciò si riduce alle basi della creazione di contenuti intuitivi e affidabili. Semplifica l’utilizzo da parte dell’utente medio. Bisogna fare riferimento a dati e informazioni credibili e per fornire suggerimenti chiari.

La lunghezza dei contenuti

Ma soprattutto contenuti brevi o lunghi? Google non classifica necessariamente i contenuti basandosi esclusivamente sul conteggio delle parole. Il breve contenuto della forma ha lo stesso potenziale di ranking del modulo lungo.

La cosa più importante della creazione di contenuti è fornire le migliori informazioni possibili in base a determinate query e alle intenzioni degli utenti. Si può fare in 500 parole o addirittura 5000. Spetta a chi produce i contenuti stabilire quale sia la lunghezza ideale. Secondo una recente ricerca, il contenuto di forma lunga ottiene in media il 77,2% in più di collegamenti rispetto agli articoli brevi. Pertanto, il contenuto di lunga durata sembra essere l’ideale per l’acquisizione di backlink. Le parti di contenuto con un numero di parole superiore hanno un potenziale maggiore per indirizzare query più pertinenti e raggiungere la radice dell’intento di ricerca. Detto ciò spesso è meglio creare contenuti più lunghi.

Contattaci per avere maggiori informazioni