02Apr
La nuova direttiva sul diritto d’autore e le proteste di Google

La nuova direttiva sul diritto d’autore e le proteste di Google

La nuova direttiva sul diritto d’autore dell’UE attende di essere ratificata dal Parlamento europeo e dagli Stati membri. La ratifica nei prossimi due mesi è quasi del tutto certa; tuttavia, non è ancora una legge formale in tutta Europa. La direttiva crea un unico mercato digitale in tutta Europa. Questo fine settimana il vicepresidente senior di Google ha commentato con una frase emblematica la direttiva prevista: “un passo avanti, due passi indietro”. Kent Walker inizialmente elogiò la direttiva, ma non perse occasione per criticare gli articoli 11 e 13.

Entrambi sono stati controversi durante tutto il processo. L’articolo 11 richiede ai motori di ricerca e agli aggregatori di notizie di pagare le tasse di licenza quando i frammenti di contenuto sono presentati sui loro siti. L’articolo 13 richiede che piattaforme come YouTube e Facebook debbano monitorare i caricamenti di contenuti e filtrare materiale potenzialmente in violazione prima che sia pubblicato online. Questo concetto solleva il potenziale di censura o di filtraggio eccessivo dei contenuti.

Le critiche di Google alla direttiva

Walker ha affermato che l’articolo 13 crea una potenziale responsabilità “per ogni contenuto caricato da un utente”. Ha affermato inoltre che “crea requisiti vani e non testati, che potrebbero portare a servizi online che bloccano il contenuto per limitare il rischio legale”. Secondo il vicepresidente il testo “deve essere più chiaro per ridurre l’incertezza giuridica su come i titolari dei diritti dovrebbero cooperare per identificare il loro contenuto”.

Walker ha aggiunto che il testo dell’articolo 11 è migliorato durante le negoziazioni linguistiche finali e ha elogiato l’inclusione dell’opzione dell’editore per concedere una licenza gratuita agli aggregatori di notizie e ai motori di ricerca. Ma ha anche detto che i piccoli editori sarebbero stati danneggiati dall’incertezza, il che avrebbe portato a limitare la quantità di contenuti mostrati nei risultati di ricerca (un minor numero di immagini, frammenti ridotti).

Il test e i cambiamenti per influencer e GDPR

Google ha recentemente condotto un esperimento SERP che ha immaginato quali sarebbero i risultati in un mondo post-direttiva. Ha presentato risultati di ricerca di notizie con collegamenti ma con testo o immagini minime o assenti. Google ha dichiarato che “tutte le versioni dell’esperimento hanno causato una perdita di traffico sostanziale per gli editori di notizie”. Walker ha chiesto ai responsabili delle politiche di prendere in considerazione queste preoccupazioni prima del voto decisivo e nella fase di implementazione che segue. “Ci saranno probabilmente cambiamenti significativi nei risultati di ricerca e il modo in cui il contenuto organico viene gestito in Europa.

Ad esempio, potrebbe avere un impatto radicale sul ruolo degli “influencer” utilizzando le risorse del marchio. Possono essere richieste agenzie o aziende tecnologiche che operano per conto di proprietari / marchi di copyright per dimostrare di essere autorizzati a caricare contenuti su YouTube e Facebook. Come GDPR , dovranno essere creati nuovi processi per riempire alcuni spazi vuoti dove ora c’è un linguaggio vago. Ciò probabilmente avrà un impatto sulle campagne di contenuti organici e, in alcuni casi, su media pagati”.

Contattaci per avere maggiori informazioni