14Mag
La spinta di Silicon Valley per aiutare a staccare la spina

La spinta di Silicon Valley per aiutare a staccare la spina

Un anno fa Google ha ammesso pubblicamente che gli utenti volevano trascorrere meno tempo sui loro telefoni, ma non potevano farlo da soli. L’azienda ha quindi compiuto il sorprendente passo del lancio di nuovi strumenti per realizzarlo. Per farlo ha messo a punto alcune opzioni che vanno da una funzionalità che mette il telefono in modalità non disturbare a una modalità wind-down progettata per aiutarti a addormentarti di notte. Ma il gigante della Silicon Valley è solo una delle numerose aziende tecnologiche che hanno dato agli utenti il potere di staccare la spina dai propri dispositivi.

Apple ha presentato funzionalità simili attraverso Screen Time lo scorso giugn. Addirittura sono nate aziende come Thrive Global che puntano al benessere grazie ad un’app. “La tecnologia è uno strumento fantastico e un padrone terribile”, ha dichiarato Danny Shea, chief brand officer di Thrive Global. “Dobbiamo imparare un nuovo modo per gestirli”. Shea ha detto che uno dei post più virali del blog di Thrive proviene in realtà dal chief business officer di Google, Philip Schindler. Ha condiviso un’esperienza di ritorno a casa da un viaggio di lavoro. Chiese ai figli di andare al parco giochi ma loro dissero che era impossibile perché la babysitter non c’era e lui avrebbe passato tutto il tempo al telefono. Quella risposta rappresentò un campanello d’allarme.

La regola ora è disattivarsi dai social

Uno dei massimi esperti di informatica non ha mai avuto un account sui social media. “Trascorro molto tempo senza il mio telefono nelle vicinanze, io per la maggior parte non uso internet per l’intrattenimento, non navigo sul web”, ha detto Carl Newport, docente di informatica alla Georgetown University. Quest’anno ha pubblicato il libro “Digital Minimalism”. Ha detto che per oltre un decennio siamo stati tecno-massimalisti alla ricerca di qualsiasi app o servizio che ci fornisca un vantaggio. “Se torniamo, diciamo, all’iPhone, l’idea originale era duplice: integrare un iPod in un telefono in modo da non dover portare in giro due dispositivi e rendere entrambi quelle esperienze migliori “, ha detto Newport.

“Steve Jobs non pensava a un futuro in cui guardavamo costantemente verso il basso”, ha affermato. “In particolare le società di social media hanno innovato e hanno pensato: ‘Come facciamo a far guardare la gente in modo compulsivo allo schermo?'”. Newport afferma che l’esperienza online è stata riprogettata per sfruttare il comportamento psicologico noto come rinforzo intermittente. Si tratta di una tecnica resa popolare dai casinò. “Se a volte ricevi degli indicatori di approvazione sociale e poi a volte entri in questa app e loro non ci sono, non ci sono nuovi Mi piace, il tuo cervello dice: ‘Dobbiamo continuare a controllare. Ci potrebbe essere di più la prossima volta. E questo è esattamente l’effetto che si ottiene tirando la leva della slot machine “, ha detto Newport.

Le strategie di Google per gli utenti

Significa che le società di social media sono in gran parte responsabili della paura di perdersi. Questa idea ha portato Google a ripensare all’esperienza mobile. Hanno inventato una nuova interpretazione di FOMO: JOMO – la gioia di perdere. “Abbiamo parlato con molti consumatori. Li abbiamo ascoltati e abbiamo cercato di capire le loro abitudini e ciò di cui avevano effettivamente bisogno”, ha dichiarato LaToya Drake di Google. “Abbiamo iniziato a sviluppare la nostra tecnologia. Speriamo che le persone provino gioia nel disconnettersi, uscire e vivere la propria vita”. Anche Facebook ha fatto la sua parte. Un newsfeed modificato incentrato sulle interazioni personali  e un piano per eliminare i like visibili su Instagram è alla base della rivoluzione.

Anche il CEO di Apple, Tim Cook, abbraccia questa filosofia. Ha infatti recentemente dichiarato di aver ridotto drasticamente il numero di notifiche che riceve. “Mi sono davvero chiesto, ho davvero bisogno di ricevere migliaia di notifiche al giorno?”

Contattaci per avere maggiori informazioni