13Nov
Aerial Bold, un tipo di font nato da scatti satellitari di edifici

Aerial Bold, un tipo di font nato da scatti satellitari di edifici

Alcuni anni fa, Benedikt Groß e Joey Lee fecero un atlante di tutte le piscine di Los Angeles. Il grande Atlante delle piscine di Los Angeles utilizzava immagini satellitari per creare una panoramica esauriente sulle migliaia di vasche presenti. Groß, un designer computazionale, e Lee, un geografo, notarono qualcos’altro nelle immagini: gli edifici sembravano molto diversi se visti da 400 miglia in su. A volte, sembravano lettere. Un anno dopo, Groß e Lee lanciarono una raccolta fondi per Aerial Bold , un progetto dedicato alla ricerca di tutte le lettere del mondo create dall’uomo. L’idea era di sondare le immagini satellitari per individuare gli ABC architettonici, quindi trasformare quelle immagini in un font. Ora, pochi anni dopo aver presentato l’ idea iniziale , stanno lanciando Aerial Bold come sito Web, una macchina da scrivere online e un set di tre caratteri vettoriali.

Edifici che somigliano a lettere

Il mondo è pieno di edifici, ma non tutti somigliano a lettere. Trovarli è stata una sfida. I progettisti volevano automatizzare il processo con un algoritmo che avrebbe setacciato le immagini satellitari e identificato alcune caratteristiche. Ma affinché ciò accadesse, avevano bisogno di una robusta serie di dati. “Dovevamo ottenere tanti esempi di lettere reali in natura, si potrebbe dire”, spiega Lee. L’anno scorso i ragazzi hanno lanciato l’app Letter Finder che consente a chiunque di scansionare frammenti di immagini satellitari per possibili lettere. Nel giro di due settimane, le persone hanno inviato 11.400 immagini da 22 paesi. Alcune lettere, come L e O, sono apparse nelle città di tutto il mondo. Altri, come Z e N, erano meno comuni. “Più la lettera è geometrica, più è probabile che la trovi”, afferma Groß.

9000 lettere grazie all’aiuto degli utenti

Dati preliminari alla mano, Groß e Lee presto realizzarono i limiti di un algoritmo di scansione delle immagini. Sebbene possa identificare le linee e le curve di base di una lettera, non è stato in grado, ad esempio, di determinare quanto fosse leggibile. Ciò ha portato Groß e Lee ad arruolare una manciata di amici per selezionare le 11.400 immagini e valutarle sulla loro leggibilità e bellezza. “A volte le persone erano troppo fantasiose”, dice Lee. Alla fine hanno ridotto il set a 9.000 lettere leggibili. È stato così alimentato un algoritmo di apprendimento automatico sviluppato dall’Institute for Artificial Intelligence di HS Weingarten. L’algoritmo ora può acquisire immagini satellitari per distinguere le caratteristiche e riconoscere la differenza tra una G e una 6, o una O e una C, per esempio.

La creazione di un vero e proprio font

I ragazzi hanno creato tre caratteri vettoriali. Uno utilizzava immagini di costruzione, un altro dati di periferia e l’ultimo immagini di paesaggi della Provenza, Francia. Sul sito web, una macchina da scrivere digitale consente di generare parole utilizzando immagini satellitari provenienti da una località specifica o dal mondo intero. Si può il proprio nome con lettere fatte da edifici a Vancouver. Oppure scrivere una lettera d’amore che attinge da edifici di tutto il mondo. Alla fine, Groß e Lee hanno realizzato un font open source da utilizzare quando si vuole.

Contattaci per avere maggiori informazioni